Amazzonia Sempre...
Sogni Vs. Realtà

Sogni Vs. Realtà

ago 12th, 2013

L‘ultimo test con Strider è stato una dura lezione per me. Vento da ovest a 20 nodi e qualcosa di più con onde corte frutto

Il varo

Il varo

lug 25th, 2013

22 luglio 2013 data speciale per me e Strider. Il varo. Dopo quasi due anni finalmente Strider è in acqua. Con una manovra non proprio

Il buco

Il buco

lug 14th, 2013

Fare uno o più buchi nello scafo sotto la linea di galleggiamento è l’operazione più delicata che ho preso in considerazione per Strider. Tanto delicata

Sprayhood

Sprayhood

lug 7th, 2013

Mi sono immaginato in mezzo all’oceano in calma piatta, senza un filo di vento e con il sole a picco schiumando per il caldo; poi

Blackpool to Belem nonstopAmazzonia Sempre… è una traversata dell’oceano Atlantico in solitario e senza scalo da Blackpool (UK) all’Amazzonia (4100nm). Su una barca a vela di 26 piedi (8.05mt) vecchia di 45 anni.

Non inseguo primati o strane sfide oltre i limiti ma solamente la realizzazione di questo mio sogno di mare.

Sono consapevole (probabilmente non completamente) di quanto sarà dura e dei mille ostacoli che dovrò affrontare, anche perchè non sono immune al mal di mare e la mia esperienza diretta è limitata.

Ma sono fortemente convinto di farcela e investirò tutte le mie risorse e le mie energie nella realizzazione di questo mio sogno.

ContinuaPartecipa

Mi chiamo Ruggero Carbognin, per gli amici Baloo e sono nato nel 1970 e da quando ero adolescente sogno una vita sul mare in equilibrio con la natura.

Era il 1986 e in una soleggiata giornata di primavera capii che le mie risposte le avrei trovate nella vela.
Gianfranco, Lidia e loro figlio Michele Ciacci vennero a trovare mio padre e ci raccontarono le avventure dei loro ultimi sei anni passati in barca a vela; il “Gabbiano” che da Chioggia li portò fino in Australia.

I loro occhi illuminati di gioia e il loro entusiasmo mi folgorarono e capii.

ContinuaAiuta

Invicta 26 StriderIl suo nome è Strider e deriva dal personaggio Granpasso-Aragorn del libro “Il Signore degli Anelli”, il capolavoro della letteratura fantasy e uno dei miei libri preferiti.

“Strider” è un Invicta 26 constuito in inghilterra dai cantieri Taylor nel 1968, quindi è più vecchio di me. La chiglia è lunga, caratteristica che dovrebbe garantire una notevole stabilità di rotta, con timone a barra appeso allo specchio di poppa. Il dislocamento di 2327Kg è considerato pesante e con il 45% del peso in chiglia fa sì che si comporti molto bene anche con mare formato. La matita è quella di E. G. van de Stadt famoso progettista attivo fra gli anni ’60 e ’90 e garantisce un ottimo bilanciamento generale senza rinunciare alle prestazioni.

ContinuaSostieni

Sponsor Me

Sponsor Me

Non ho ancora un preciso piano di sponsorizzazione. Comunque, se foste interessati in questo spazio potrebbe apparire il vostro logo... oltre che sullo scafo di Strider